UK: gruppo legale ACS minaccia di far causa a Slyck.com, per diffamazione


Il gruppo legale ACS ha cominciato a ricevere pubblicità negativa sui media, fin da quando ha cominciato a mandare migliaia di avvisi d’infrazione, agli utenti inglesi, presunti colpevoli di file-sharing illegale.  Ora però, i legali stanno minacciando di fare causa a Slyck.com, uno dei più antichi forum di file-sharing su internet perché considerano diffamatorie alcune cose scritte su di loro.

Come detto, Slick.com è un forum dove fin dai tempi di Napster si discutono i problemi riguardanti il mondo P2P.

Sui blog, tipo Torrent Freak, si riportano le notizie, ma è sui forum, dove la comunità espone e risolve i problemi, facendo fronte comune.

Molti utenti, grazie anche al supporto di altri iscritti, nelle discussioni del reparto legale di Slyck.com, hanno deciso di combattere contro le intimidazioni, e non pagare.

Ma questo aiuto comune, molto probabilmente, dava fastidio, prima agli avvocati della Davenport Lyon, ora dell’ACS, anche perché non c’è molta differenza fra gli uni e gli altri ed i due gruppi sono interconnessi.

Ora, quindi, gli avvocati dell’ACS hanno intimato a Slyck.com di eliminare tre discussioni, contenenti nella loro interezza oltre 10.300 posts, affermando che quanto scritto è diffamatorio e sta danneggiando la loro attività.

Secondo, però, l’editor del sito, Thomas Mennecke, gli avvocati dell’ACS, hanno indicato come prova della diffamazione, solo 11 posts.

Inoltre, gli stessi avvocati avrebbero mentito in varie dichiarazioni, dicendo che non c’è alcun rapporto fra loro e gli avvocati della Davenport Lyons, ma lo stesso Andrew Crossley, titolare dello studio avrebbe ammesso in un’intervista alla BBC, che molti dei casi trattati dall’ACS, erano loro stati trasmessi dalla famosa ditta con sede a Londra.

Comunque Slyck.com non accetterà intimidazioni e lotterà in tribunale e si è subito sparsa la voce, che si sta preparando un Torrent con tutte le discussioni, che presto sarà su tutti i più grossi tracker BitTorrent.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta