UK: contro il governo, scende in campo anche Alice Taylor


TaylorDiciamo la verità, molte volte coloro che difendono il mondo P2P sono troppo aggressivi per essere ascoltati dalla maggior parte dei benpensanti che non vogliono una rivoluzione. Ma ci sono personaggi che nel momento che scendono in campo, si pensa scoppierà un putiferio. Domani, quindi, dovrebbe rivelarsi una giornata molto interessante, perché uscirà un saggio di  Alice Taylor .

Ma chi è Alice Taylor ? Dopo essere stata Vice -presidente per i contenuti digitali per la BBC Worldwide, Alice è  divenuta Commissioning Editor for Education a Canale 4, sempre nel Regno Unito ed inoltre è la moglie di Cory Doctorow.

Quindi non si può proprio dire che sia un signor nessuno nel campo dei diritti digitali.

La Taylor quindi pubblicherà un saggio domani commissionato da Perspectives, un sito finanziato  dal governo e creato per entrare in contatto con le industrie creative della Scozia.

Sembrano molto forti comunque le dichiarazioni della Taylor contro l’idea del governo di disconnettere chi viola ripetutamente il copyright essa infatti dice “Non dobbiamo lasciare che questi colossi morenti tolgano a qualcuno l’accesso ad internet, praticamente la connessione al mondo per una pretesa di pirateria a volte indimostrabile, mai”

La Taylor inoltre si scaglia contro Feargal Sharkey dell’UK music, chiamandoli “massimalisti del copy-right”e criticandoli per chiedere ai consumatori di “rispettare il diritto d’autore.”

Secondo lei poi  la pirateria è “semplicemente la domanda in cui l’offerta non esiste”, e che l’uso di “meccanismi di protezione è inutile” e semplicemente “limita la capacità di una persona, come il creatore di un ‘opera, di essere scoperto”.

Soliti discorsi fatti un miliardo di volte, ossia che la gente ricorre alla pirateria perché mancano alternative legali.

Siamo proprio curiosi di leggere cosa risponderanno i fautori all’introduzione della legge sulla disconnessione degli utenti recidivi da internet, alla Taylor.

Fonte Torrent Freak


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta