Studio: nonostante la repressione, si è ancora tutti pirati


Immagine2In tutto l’arco del 2009 come abbiamo riportato in molti articoli, le major hanno aumentato l’attacco a coloro che violano le regole del copy-right, sia singoli utenti che siti. Non possiamo poi dimenticare le due grosse vittorie della RIAA contro Jammie Thomas e Terembaum, procedimenti giudiziari in cui poi gli imputati sono stati condannati a pagare risarcimenti faraonici, che dovevano anche servire da deterrente per far sì che altri utenti evitassero di scaricare e condividere files illegali.

Neanche si può dimenticare il processo contro Pirate Bay anch’esso finito con una dura pena carceraria per gli imputati oltre alla richiesta di un grosso risarcimento.

Dal punto di vista politico poi, abbiamo avuto l’introduzione della “three strikes law” in Australia e Nuova Zelanda per prima e poi in Francia e forse ora nel Regno Unito.

In Svezia poi, ad aprile è stata approvata la nuova legge chiamata Ipred che rende molto più facile per le associazioni anti-pirateria ottenere gli indirizzi IP dei probabili colpevoli.

Nonostante tutto ciò l’atteggiamento dell’opinione pubblica nei confronti della pirateria non è variato ed è ormai divenuto una norma sociale accettata il download di materiale coperto dal copy-right.

La gente non si sente colpevole questo è quanto risulta dai risultati del progetto Cyber Standards sociological il cui scopo era di scoprire, intervistando 1000 giovani fra i 15 ed i 25 anni se l’introduzione della legge IPRED fosse riuscita a ridurre il divario tra le norme giuridiche e sociali.

Mentre l’introduzione dell’Ipred non ha rappresentato alcun deterrente sociale è però positivo il fatto che per paura della legge, fra i giovanissimi, la percentuale di quelli che non scaricano più materiale illegale è salita dal 22 al 39%.

Questo sicuramente per paura delle punizioni, ma se tale legge non è sostenuta da iniziative che permettano di condividere materiale legalmente, anche l’effetto paura è destinato a scomparire presto.

Fonte Torrent Freak


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta