Editori musicali denunciano Limewire


Un gruppo di rappresentanti degli Editori Musicali, avrebbe sporto denuncia al tribunale federale, contro Lime Groups, società madre di Limewire e contro il suo amministratore, Mark Gorton,sempre per violazione del copy-right, su scala massiccia.

Abbiamo già detto che Limewire, dopo una causa di circa quattro anni contro la RIAA è stata appunto, riconosciuta colpevole, il mese scorso di violazione del copy-right ed induzione alla violazione del medesimo, su larga scala e sta ora cercando di convincere il giudice Kimba Wood, che dovrebbe decidere in merito alla sua chiusura, che sta trasformando il servizio in qualcosa di legale, prendendo accordi con etichette ed artisti.

Anche se i più sono scettici, su questa trasformazione del più grande servizio di file-sharing degli Stati Uniti.

Ora i rappresentanti degli Editori Musicali hanno chiesto al tribunale che Limewire cessi immediatamente le violazioni ed un risarcimento danni di 150.000 dollari per ogni canzone illegale e 30.000 dollari per ogni altra violazione.

Da quello che si è capito gli editori hanno fatto causa, in quanto le grandi etichette musicali non rappresentano gli interessi degli editori ed invece essi vogliono essere essere parte in causa ed ottenere il denaro, che appartiene di diritto alle 2500 società editoriali e alle centinaia di migliaia di cantautori e compositori, che debbono anch’essi essere compensati per il furto di massa che va avanti da anni.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta