Sicurezza, RIM: BlackBerry disponibile ma primario rispetto clienti


La Rim ha deciso di mettere un punto sulle polemiche nate nei giorni scorsi riguardanti i problemi di sicurezza relative ai dispositivi BlackBerry ed al loro utilizzo. Arabia Saudita, India, addirittura Germania. Governi che chiedono di poter avere a cesso a dati criptati dell’azienda in nome della sicurezza nazionale. Richieste che lasciano perplessa l’azienda di telefonia che basa le comunicazioni dei suoi dispositivi sugli standard più diffusi in rete come l’SSL, l’IPSEC e il VPN.

A quanto pare nella giornata di ieri vi è stata una videoconferenza ufficiale tra i capi della Research in Motion, i clienti business più importanti e rappresentanti governativi, per arrivare alla creazione di un report specifico che elenchi quali stati e per quale motivo gli stessi vogliano monitorare i servizi dei BlackBerry o averne accesso.

Contemporaneamente la RIM ha aggiornato e sottolineato il contenuto di quella che potremmo definire la carta del consumatore, consultabile qui in lingua inglese. Essa specifica come l’azienda sarà sempre collaborativa con gli stati nei quali i suoi dispositivi entreranno in commercio, ma tutto questo nel rispetto dei proprio consumatore, lavorando per un accesso sempre legale e controllato ai propri servizi. Ma che soprattutto, l’accesso ai suoi servizi non può essere arbitrariamente concesso a governi terzi, se non nel rispetto della legge. Voi che ne dite?

[VIA]


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta