Onda Andy Smart: Android regala UTMS e Dual Sim insieme


Nel mercato sempre più variegato e competitivo le nuove società, che cercano di emergere tra i produttori più esperti devono necessariamente lanciare prodotti alternativi che attirino l’attenzione del consumatore, alla ricerca di prodotti multifunzionali ed allo stesso tempo accattivanti nel design, il tutto condito da un prezzo discretamente basso. Impossibile ? no, grazie al nuovo Onda Andy Smart, telefono dual sim dal sistema operativo Android, sinonimo ultimamente di garanzia rispetto ad OS concorrenti che si arrampicano sugli specchi.

Andremo ad analizzare in questo articolo la scheda tecnica e allo stesso tempo commenteremo sommariamente le varie funzionalità, entrando nel dettaglio oggettivamente su pregi e difetti, in modo da avere una prima panoramica sul prodotto in attesa di una prova reale per saggiarne l’effettiva utilità nella vita di tutti i giorni. Non dilunghiamoci ancora e cominciamo con i vari settori da analizzare.

DESIGN E ACCORGIMENTI TECNICI ESTERIORI

Cominciamo con un classico giudizio sul design, primo vero punto che ogni utente analizza inevitabilmente quando prova un prodotto. Onestamente non siamo in presenza di un must in termini di cura nei dettagli o particolarità nella progettazione, le forme squadrate però ricordano in parte lo stile Nokia e questo è un bene visto che il produttore finlandese è uno dei primi della classe. Non molto altro da segnalare in questo settore che deve fare molta strada nel mondo dei dual sim, quindi visto che nel giro di pochi mesi siamo passati da telefoni con caratteristiche che ricordano i Nokia degli anni 90, a modelli con design più vicini agli attuali smartphone, possiamo solo sperare in bene per il prossimo anno. Il voto generale per questa categoria è un 6,5 proprio per i motivi spiegati pocanzi.

HARDWARE & SOFTWARE

Siamo giunti al settore più succulento di questa prima analisi, si tratta della categoria che analizza la dotazione tecnica e la funzionalità della stessa in rapporto al sistema che la gestisce.

Partiamo proprio dal sistema operativo, Onda stipula un vantaggioso accordo con Android che in questo modello mette in risalto l’upgrade fatto grazie a questa comunione. Il risultato finale a detta di chi ha potuto mettere le mani su questo Onda Andy Smart è discreto, forse oltre le aspettative.

Piccoli accorgimenti banali, risolvibili tramite aggiornamenti di sistema, fanno perdere diversi punti a questo modello, un peccato visto che il settore dual sim è ben gestito, forse la pecca principale riguarda la catalogazione delle varie funzioni, fatta talvolta di liste confusionarie e funzioni non proprio dirette nella consultazione e nell’utilizzo, fattore questo fondamentale per l’utenza business a cui è indirizzato per la maggior parte questo telefono.

Nel complesso sembra essere stato inserito di tutto tra le funzioni, presenti anche le mail in push, rese utilizzabili grazie al sistema UMTS in grado di gestire la rete internet, che nella navigazione web sembra sia talvolta impacciata, quindi l’augurio da fare a questo terminale, per entrare definitivamente nel mondo dei grandi è un aggiornamento software che lo valorizzi concretamente. Sicuramente il voto resta alto nonostante le pecche, un 7,5 è d’obbligo per un telefono che unisce un ottimo sistema operativo, la rete UMTS e la funzione dual sim.

Passiamo ora alle caratteristiche riguardanti gli accessori implementati come la fotocamera da 3 megapixel, unico vero componente di cui vale la pena parlare, molti lo hanno definito sufficiente nel giudizio, non possiamo che riportare questa decisione e rimandare ad ognuno di voi un giudizio soggettivo. Difficile infatti capire quali siano le reali esigenze di chi prende in considerazione l’acquisto di questo terminale, molti lo utilizzano come telefono supplementare per gestire semplicemente due schede sim, altri cercano un compromesso tra smartphone di ultima generazione e dual sim, valutando non solo le funzioni base ma anche il settore multimediale, che si sta evolvendo in pochi mesi da un 2d con bassa qualità, fino al 3d più performante.

Da segnalare nella confezione di vendita la scheda di memoria micro SD da 2 GB, rara in questo settore, che riesce a contenere file di dimensioni considerevoli, fungendo da archivio per documenti, foto, video e tanto altro ancora.

PREZZO E USCITA

Ultimo settore da affrontare è quello del prezzo, questo Onda Andy Smart è disponibile attualmente in Italia ad un prezzo di 220 euro, il che fa assumere al giudizio finale un punteggio ancora più alto, in funzione del rapporto qualità prezzo che risulta interessante ma di cui parleremo dopo nelle considerazioni finali.

CONSIDERAZIONI E GIUDIZIO FINALE

Difficile non dare un giudizio positivo a questo telefono, Onda ha lanciato sul mercato un prodotto sicuramente non perfetto ma che ha tutte le caratteristiche per far bene e soddisfare le esigenze dell’utente che vuole funzioni base vecchio stile ed una componente multimediale di buona fattura. Il risultato potrebbe arrivare a un 8 pieno in pagella ma le difficoltà in qualche settore anche nelle cose più semplici lo rendono un prodotto da migliorare e sviluppare ancora, per giungere come detto prima ad un livello che porti la casa produttrice tra i produttori di fascia media migliori sul mercato, proponendo eventualmente più modelli di una stessa serie con funzioni e destinazioni d’uso alternative a seconda delle esigenze. Tutto questo però è ancora presto per metterlo in atto poichè l’esempio di Apple indica chiaramente che un solo terminale dalla qualità superiore alla concorrenza riesce da solo a concentrare il mercato su di se. Questa è una filosofia che i produttori emergenti dovrebbero tenere in considerazione, invece di proporre 10 modelli molto simili e con gli stessi leaks, capaci di far storcere il naso agli utenti e rovinare un progetto che ha il potenziale per essere di grande successo.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta