Nintendo 3DS: tutto quello che volete sapere a riguardo. O quasi.


Nintendo 3DS e Satoru IwataDurante lo scorso E3 di Las Vegas, che si è svolto a Giugno 2010, Nintendo ha presentato la sua grande novità: il 3DS, la console portatile di nuova generazione in grado di farci videogiocare utilizzando una tecnologia in 3D (per la precisione stereoscopica, proprio come quella che abbiamo potuto godere in film come Avatar), ma senza l’ausilio degli scomodi occhialini.

Tante le reazioni positive a questa nuova console, ma anche negative: in molti, infatti, si sono preoccupati che i due schermi, in quanto in grado di farci vivere una esperienza così unica, potessero anche affaticare i nostri occhi più di un normale dispositivo tecnologico, tanto da far ipotizzare un possibile divieto di utilizzo da parte dei bambini sotto ai 6 anni.

Questa la situazione sul Nintendo 3DS fino a qualche giorno fa, fin quando, ovvero, si è svolto a Tokyo il Nintendo world 2011, conferenza della ditta di gaming nipponica, durante la quale il presidente di Nintendo, Satoru Iwata, è intervenuto per svelare nuovi (ka non ultimi, inerenti al dispositivo che minaccia di cambiare il nostro modo di videogiocare.

In primo luogo ci tiene ad affermare che il dispositivo non è assolutamente nocivo agli occhi dei videogiocatori, ache dei più giovani: come per ogni altro prodotto tecnologico, non bisogna abusarne, ed è quindi consigliabile fare alcune pause se lo si utilizza per lungo tempo, ma per il resto non ci sono problemi. Timori ugualmente chiariti dalla AOA, l’associazione degli oculisti americani.

Inoltre è stata confermata l’uscita in terra nipponica: il lancio, infatti, è stato confermato per il prossimo 26 Febbraio, mentre per quanto riguarda Europa e Nord America dovremo attendere il 19 Gennaio quando, in una speciale conferenza ad Amsterdam, verrà ufficializzata la data (quasi sicuramente a Marzo) in cui anche in occidente potremo toccare con mano il nuovo dispositivo.

Nella confezione potremo trovare, al prezzo di 25.000 yen, circa 220 euro, oltre alla nuova console, anche i classici pennino, caricabatterie, manuale d’istruzione e garanzia, anche una Start Guide, una SD Card da 2 GB e ben sei AR Card (che servono a testare le videocamere della realtà aumentata qui presenti).

La nuova console peserà meno della DSI XL, ovvero 230 grammi (invece di 314), con una grandezza di 134×74×21 mm. Due gli schermi presenti, anche se di grandezza e definizione differenti: mentre quello superiore sarà di 3,53 pollici, con una risoluzione pari a 800×240 pixel, quello inferiore è lievemente più piccolo, di 3,02 pollici, con una risoluzione di soli 324×240 pixel. Presenti all’appello anche tre fotocamere, necessarie per sviluppare le potenzialità in 3D.

Nella line up, cioè i titoli presenti all’uscita del dispositivo, troviamo Battle of the Giants: Dinosaurs 3D, Nintendogs and Cats, Professor Layton and the Mask of Miracle, Puzzle Bobble 3D, Samurai Warriors: Chronicle, Super Street Fighter IV 3D, Ridge Racer 3D e PES 3D, anche se sono attesi già per la primavera The Legend of Zelda: Ocarina of Time, Resident Evil: The Mercenaries 3D, Metal Gear Solid: Snake Eater 3D e Professor Layton and the Mask of Miracle. Solo per citarne alcuni.

E passiamo ai due punti dolenti che si sono mostrati proprio questi giorni: il costo dei titoli, superiore ai 50 euro l’uno, e la durata della batteria. Quest’ultima, con retroilluminazione media, dovrebbe durare, con un titolo in 3D, tra le 3 alle 5 ore, che potrebbero arrivare ad 8 con i titoli in 2D: nulla in confronto alle attuali 15 ore, anche considerati i tempi di ricarica, stimati sulle tre ore e mezza.

Ultime polemiche, fondate però su voci ufficiose, vedrebbero il nuovo dispositivo Nintendo, contrariamente a quelli precedenti, Region Locked: se ciò fosse vero significherebbe che le cartucce giapponesi o americane non possono funzionare in una console europea, e viceversa. Un vero peccato!

Immagine: blog.panorama.it


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta