Apple porta l'iPad in Cina e America Latina


La Apple si prepara ad invadere i mercati dell’America Latina e della Cina con il suo tablet. Una mossa importante per l’azienda di Cupertino, anche se giunta con parecchio ritardo rispetto ai competitor. C’è quindi grande curiosità per vedere che impatto avrà l’iPad sugli utenti di Argentina, Cile, Colombia, Perù ed Ecuador, ma tutti gli occhi sono ovviamente puntati allo sconfinato mercato asiatico, dove per Steve Jobs e soci ci sono tutti gli estremi per ottenere grandissimi introiti.

L’iPad – distribuito in Cina privo del modulo 3G/Wi-Fi – sarà venduto a prezzi che vanno da circa 450 e 630 euro, quindi più alti rispetto a quelli praticati negli USA. Un particolare che è sembrato del tutto trascurabile agli amanti cinesi della mela, che hanno preso d’assedio gli Apple Store di Pechino e Shangai in attesa dell’orario di apertura pur di potersi portare subito a casa il loro nuovo tablet, il tutto sotto la pioggia battente ed addirittura bivaccando la notte per per poter essere i primi a varcare l’ingresso dei negozi. Una situazione che gratifica l’azienda di Cupertino soprattutto se si considera che l’iPad, in Cina, ci era già comunque arrivato, ovviamente tramite il mercato “parallelo”, ma a prezzi addirittura più alti del 20%, vista la mancanza di concorrenza, cioè di una distribuzione ufficiale.

Per evitare speculazioni la Apple ha quindi deciso che almeno nelle prime settimane di presenza sul mercato cinese, l’iPad non potrà essere venduto in più di due pezzi ad una singola persona. Se si pensa poi alla grandezza di questo nuovo mercato, ci si può immaginare quanto vertiginosamente potranno crescere i download dall’App Store nei prossimi mesi, altra fonte di enormi guadagni per l’azienda della mela morsicata!

Infine, sebbene esistano sul mercato numerosi tablet “made in China” con buone caratteristiche tecniche e prezzi molti contenuti (a volte addirittura inferiori ai 200 euro!), vista la propensione di questo popolo a prodotti di qualità e software legale, c’è da scommettere su un grande successo dell’iPad e dell’App Store nella repubblica popolare cinese, con grande felicità di Steve Jobs e soci.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta