Stuxnet colpisce l'Iran: illesi gli impianti nucleari


Il temuto virus informatico Stuxnet sembra davvero aver colpito duro; specializzato nell’attaccare  piattaforme Microsoft Windows sui quali girano software Siemens dedicati al controllo di strutture industriali, il virus avrebbe infettato la bellezza di 30.000 elaboratori siti in Teheran, tanto che i servizi di sicurezza iraniani parlano senza mezzi termini di un “guerra informatica lanciata da un paese nemico contro i nostri computer con il preciso scopo di attaccare i nostri impianti nucleari”.

Fortunatamente i sistemi delle principali centrali nucleari dell’Iran sono rimasti immuni, ma il responsabile della sicurezza di Teheran, Mahmud Jafari, ha dichiarato che decine di tecnici sono al lavoro per controllare i personal computer siti nei loro impianti e che è il governo ha deciso di costituire una task force per combattere i cyber crimini ed evitare in futuro problemi di questo tipo. Quanto successo potrebbe anche dar forza alle voci che vedono, dietro la creazione di Stuxnet, i servizi segreti di qualche paese, tanto specifico è il “target” a cui mira questo super virus, ma prima di parlare di “cyberwar” vera e propria, bisognerebbe quantomeno verificare questi sospetti con prove certe.

L’Iran non sta comunque a parlare ed ha già provveduto a distribuire nuovi antivirus, aggiornati con le “contromisure” per Stuxnet, a tutti i suoi apparati governativi ed alle principali industrie, invitando questi ultimi a non utilizzare i sistemi antivirus della Siemens perché potrebbe essere corrotti o comunque attaccabili. Da Teheran, gli ingegneri informatici governativi hanno detto di non aver mai visto un virus così raffinato e potente, ma che fortunatamente non ha fatto molti danni nonostante la grande diffusione. Stuxnet è già stato “avvistato” in Pakistan, India e Indonesia, ed è ancora un mistero – e forse resterà tale – se parte di una strategia degli USA per combattere paesi ritenuti pericolosi dal punto di vista dell’armamento atomico, anche attraverso gli strumenti informatici.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta