Prezzofelice: fallimento e reclami dei consumatori


prezzo felice fallisce

Utenti infuriati: prezzo felice chiude e non restituisce i soldi?
Amara sorpresa quella degli utenti del sito Prezzofelice.it: il popolare sito di acquisti di gruppo, posseduto per il 40% dai figli di Berlusconi Barbara, Eleonora e Luigi, pare aver chiuso battenti.
A partire dal 12 Giungno, infatti, ecco cosa appare sull’home page del sito

“Siamo spiacenti di comunicarvi che i servizi di prezzofelice.it saranno sospesi a partire da giovedì 12 giugno.”

Nato nel 2010 Raffaele Giovine sulla falsa riga di Groupon, vede l’ingresso della famiglia Berlusconi a partire dal 2011 con un investimento di oltre 2 milioni di euro.
La società, ad oggi, è in liquidazione complice una perdita stimata intorno ai 2 milioni di euro: secondo i figli di Berlusconi la verà colpa sarebbe da ricercare nell’ex amministratore delegato Pietro Dore che, a loro dire, non gli avrebbe informati del peggioramento costante e progressivo della situazione finanziaria del gruppo.

Il problema però non è solo per i soci del sito ma anche per i consumatori, utenti imbufaliti che stanno scatenando la loro rabbia su Facebook: migliaia di consumatori che denunciano di non aver mai ricevuto la merce ordinata e pagata, oltre agli ex dipendenti che dichiarano di essere stati lasciati a casa senza stipendio

Insomma, la situazione sembra chiara: ma ora chi risarcirà i consumatori? Per contattare prezzofelice inviare una mail a [email protected]


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta