Porno e pirateria: l'industria hard promette battaglia


L’industria del porno – lasciando da parte moralismi e gusti personali – è una delle realtà economiche più floride su scala planetaria e anche i player di questo mercato sono vittime del fenomeno della pirateria, specialmente quella perpetrata attraverso la rete Internet. Per questo motivo i più grandi produttori del settore si sono dati appuntamento per il prossimo mese di ottobre per una convention internazionale nella quale promettono di mettersi d’accordo su iniziative davvero “hardcore” contro la pirateria.

La Larry Flint Publications, storica azienda del settore, è balzata all’onore delle cronache per aver denunciato poco meno di 400 persone che hanno scaricato in modo illegale i suoi contenuti dalle reti peer-to-peer, ed ora promette azioni ancora più pesanti, come quella di rendere noti i nomi dei cittadini che si sono macchiati di questi reati. Secondo Larry Flint, è ora che la gente capisca che le case produttrici di film porno pagano le tasse regolarmente come ogni altra azienda e che i loro contenuti sono protetti dal copyright come tutti gli altri. Sulla stessa onda le dichiarazioni in proposito di Allison Vivas, presidente di Pink Visual, secondo la quale c’è ormai la strana convinzione che i contenuti porno in rete siano del tutto gratuiti, quando invece dietro ci sono tantissime persone che ci lavorano per produrli. Tutto questo quando fino a pochi anni fa la gente spendeva cifre davvero ingenti per acquistare film pornografici.

Nella conferenza in programma, quindi, i produttori ed i distributori seguiranno dei workshop nei quali impareranno come adottare tutte le tecnologie attualmente disponibili per evitare la contraffazione dei loro film, nonché come riconoscere le opere contraffatte e renderle illeggibili. Tutti si dicono comunque convinti che i nomi delle persone indagate per contraffazione o per down load di materiale illegale debbano essere resi pubblici in qualche modo. Forse è il caso che ci ripensiate prima di farvi un giro su YouPorn…


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta