Firefox sorpassa Explorer in Europa


Statcounter Dic09-Dic10Una notizia annunciata o, almeno, che potevamo già presagire da tempo: in Europa l’utilizzo di Modzilla Firefox ha superato quello di Internet Explorer.

I dati arrivano direttamente dalle rilevazioni ufficiali di Statcounter, il servizio di tracking gratuito che è in grado di fornirci sempre dati del traffico web dettagliati e sicuri, secondo cui, nel mese di Dicembre 2010 sarebbe avvenuto il sorpasso tra i due browser più popolari. Internet Explorer, sino allo scorso Novembre leader tra i browser web, si sarebbe fermato a quota mercato del 37,52%, mentre Firefox ha raggiunto la quota storica del 38,11%.

Microsoft, però, non si allarma: tale sorpasso è avvenuto solo nel nostro continente e, guardando ai dati a livello mondiale troviamo il suo Internet Explorer ancora in grande vantaggio rispetto a tutti gli altri software di navigazione, in particolar modo in Nord america. Negli USA, infatti, la quota di mercato di IE (dati relativi al Dicembre 2010) è del 48,9% contro il 26,7% di Firefox, il 12,8% di Chrome e il 10% di Safari.

I dati di Statcounter, che prendono in esame il periodo che intercorre tra il Dicembre 2009 ed il Dicembre 2010 (di cui potete vedere in alto a destra la tabella ufficiale rilasciata proprio dal sito in questione) registrano, in Europa, un calo di ben 7 punti percentuali per Internet Explorer. Ma neanche il tanto acclamato Firefox se la possa meglio: in dodici mesi, pur avendo sorpassato il colosso dei browser, ha perso 3 punti percentuali. A trarre vantaggio da questa situazione è indubbiamente Google Chrome, il terzo browser al mondo, che in un anno è passato, in Europa, dal 5.06% al 14.58%. Anche Safari ed Opera risultano essere in crescita, con una percentuale di gradimento molto simile per entrambi, rispettivamente del 4,62% e del 4,57% (dati sempre relativi a Dicembre 2010.

A cosa è dovuto questa maggiore flessibilità dei browser in Europa (che abbiamo visto verificarsi in maniera nettamente inferiore negli USA), in particolare modo dall’espansione di Firefox? A riguardo molte opinioni sono state fatte. Secondo il prestigioso Reuters, il calo di IE in Europa è conseguente al Ballot Screen deciso dall’Unione Europea. La misura straordinaria, prevista proprio dall’UE per fronteggiare il monopolio di Internet Explorer, è stata attivata lo scorso 1 Marzo. Ha coinvolto esclusivamente gli utilizzatori di Internet Explorer i quali, proprio nella data indicata, si sono visti apparire una finestra, una schermata di benvenuto in cui si indicava l’esistenza di altri browser, oltre a quello di Microsoft.

Ipotesi questa del ballot screen che non è però valida secondo Neowin, perché non spiega il fatto che sia soltanto Firefox ad aver spiccato il volo ed essere arrivato a quota 38,11%, contro i 26,7% degli USA. Safari, invece, è nettamente inferiore in Europa, con solo il 4,62% delle utenze, contro il 10% del Nord America.

Secondo altre opinioni, invece, sembra che tale sorpasso sia dovuto ai tanti problemi di sicurezza che sono stati riscontrati in Internet Explorer. Magari con il nuovo IE9, l’azienda di Redmond si potrebbe risollevare anche in Europa?


Immagine: Statcouter


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta