Google Instant: suggerimenti in tempo reale


Il motore di ricerca Google è noto per aver introdotto quella tecnica di programmazione denominata Ajax, un metodo di sviluppo che combinando più linguaggi di scripting permette la creazione di applicazioni interattive sul web : una vera e propria rivoluzione rispetto alle tradizionali pagine di HTML statico o arricchite al massimo da qualche procedura in JavaScript. Con questa tecnica Google ha dato, prima di tutti, la possibilità agli utenti di ottenere dei risultati già mentre si digitano le parole chiave delle proprie ricerche nella casella di testo di input, sotto forma di un menù a tendina con dei suggerimenti.

Adesso questa tecnica viene raffinata fino al punto di fornire agli utenti non solo suggerimenti sulle parole da cercare, ma addirittura i risultati possibili su ciò che si sta cercando, e tutto questo in tempo (quasi) reale ! Questo progetto è stato giustappunto chiamato Google Instant, perché consente di non premere neanche uno dei famosi pulsanti “Cerca con Google” o “Mi sento fortunato”, in quanto i primi risultati appaiono già mentre si digitano le parole chiave.

Questa nuova caratteristica del motore di ricerca made in Mountain View, non è però accessibile a tutti gli utenti, almeno non in questa prima fase di lancio : per il momento, infatti, Google Instant è riservato innanzitutto agli utenti registrati (e loggati!) di uno dei servizi di Google – Gmail ad esempio – e solo per l’utenza proveniente da Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito. Ovviamente non sono privati di questa grande novità gli utenti statunitensi, i quali possono addirittura beneficiare dell’esenzione dall’essere autenticati su uno dei servizi della “grande G”.

Altre limitazioni, l’utilizzo di un browser di ultima generazione, ovvero soltanto le ultimissime versioni di Internet Explorer, Mozilla Firefox e, ovviamente, Google Chrome!, quindi la disponibilità di una connessione al web a banda larga, con un automatismo del motore di ricerca che riconosce la velocità di accesso ad Internet del computer host, evitando che la funzione finisca con l’essere addirittura penalizzante per chi si connette a basse velocità.

Secondo Google, questa nuova funzione dovrebbe migliorare l’esperienza degli utenti nelle ricerche fino ad un risparmio di tempo che può arrivare ai cinque secondi. Tutti potranno comunque disabilitare Google Instant se non di loro gradimento.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta