Google conferenza annuale con grandi novità


Google ha dato il via alla sua conferenza annuale per gli sviluppatori, Google I / O, al Moscone Center e sono state molteplici le novità presentate che ruotano intorno alla sua piattaforma Android ed è stato annunciato il tanto atteso servizio Google music oltre a prevedere una casa domotica by Google.

Per prima cosa è stato annunciato il rilascio dell’aggiornamento 3,1 di Android Honeycomb, che permette di aggiungere nuove opzioni all’interfaccia, di collegare dispositivi USB tipo tastiere e controller dei giochi ed inoltre offre un servizio di noleggio film che funziona direttamente dal dispositivo.

Sarà possibile direttamente dai tablet noleggiare il film e memorizzarlo nella cache. Le persone hanno, poi 30 giorni di tempo per visualizzare il film noleggiato e una volta iniziato a guardarlo, si hanno 24 ore di tempo per finire di visionarlo. Per ora il servizio è attivo solo negli USA, poi sarà esteso ad altri paesi.

Il tablet Xoom di Motorola, che ha inaugurato la piattaforma Android 3,0 honeycomb, otterrà subito l’aggiornamento alla versione 3,1 del software.

Inoltre i responsabili Google hanno annunciato che nel quarto trimestre dell’anno arriverà una nuova versione della piattaforma, adatta anche per smartphone, denominata Ice Cream Sandwitch nella quale si cercherà sopratutto di risolvere le frammentazioni dovute alle differenze hardware, come ad esempio le diverse dimensioni dello schermo e che impediscono allo stesso programma di poter essere eseguito su dispositivi diversi.

Altra novità presente nella nuova versione, sarà la funzionalità face tracing ossia un sistema basato su OpenGL che permette di tracciare i tratti del viso.

Durante la conferenza, inoltre è stato lanciato il servizio, per ora in beta di Musica di Google, “che consente ‘agli utenti di caricare proprie librerie musicali personali per conto proprio sui server di Google”.

Tale musica può poi essere ascoltata in streaming dagli utenti, sui loro dispositivi, anche su sistemi home stereo.

Per ora sarà possibile accedere al servizio gratuitamente, finchè sarà in beta, su invito e solo negli USA e saranno favoriti per primi i possessori dello Xoom Motorola.

Google che ha cercato a lungo di avere accordi con le etichette per le licenze dei brani musicali, alla fine ha optato, come Amazon per un servizio in cui non sono necessarie licenze .

Infatti come dice Levine di Google:

Questo è un servizio di archiviazione personale che non richiede licenze in più rispetto alla vendita di un ipod o di un hard disk: gli utenti, invece di memorizzare la loro musica su un disco rigido la possono depositare nel loro cassetto digitale nel cloud

L’idea dell’archivio digitale era già stata accennata da Apple che sicuramente presenterà qualcosa di simile al WWDC 2011, solo che Google sembra aver battuto nel tempo la società della mela.

Ai partecipanti alla conferenza Google e Samsung hanno donato 5000 tablet Samsung Galaxy 10,1, evidenziando così come le società puntano molto sulle applicazioni per la piattaforma Android Honeycomb.

Google poi ha fornito alcuni numeri del successo della piattaforma Android con oltre 100 milioni di dispositivi attivati, 4,5 miliardi di download di apps fin’ora e 310 dispositivi attualmente in vendita, che utilizzano Android come sistema operativo.

Ma Google punta a molto più in alto, a trasformare la piattaforma in un hub per diversi sistemi, anche casalinghi, tipo l’impianto d’illuminazione, la lavastoviglie ecc ed anche a far sì che le persone possano personalizzare i propri accessori hardware in modo che sia possibile controllarli dalla piattaforma Android, tramite un kit Android costruito su base open-source Arduino.

Android diverrà quindi nel futuro il sistema che useremo di più nella nostra casa? Voi che ne pensate?


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta