Google compra i brevetti Nortel


Google.inc, il colosso informatico, ha avanzato una proposta alla Nortel Networks Corp. per i diritti di circa 6000 brevetti, in tal modo la società di Mountain View spera di evitare azioni legali e nello stesso godere dei diritti per poter espandersi in vari campi.

Google, il motore di ricerca più grande al mondo, sta differenziando la sua attività, espandendosi in sistemi operativi desktop e mobile ma ciò ha provocato anche numerose cause per violazione di brevetti, come quella intestatagli da Oracle, che hanno visto sopratutto coinvolto il suo sistema operativo Android.
Nortel, dal canto suo, è il produttore canadese per attrezzature telefoniche che ha presentato istanza di fallimento controllata fin dal 2009 e l’accordo creerebbe a Google dei diritti di precedenza nell’asta che si dovrebbe tenere per le proprietà di Nortel.
La prevista vendita dovrebbe interessare brevetti o richieste per gli stessi, riguardanti reti cablate, wireless e tecnologie di comunicazione digitale.

Secondo i rappresentanti di Google, la società è relativamente giovane e quello che sicuramente può metterla al sicuro da citazioni per violazione di brevetti è la creazione di un ricco portfolio dei medesimi che permetterebbe all’azienda di sviluppare liberamente nuovi prodotti e servizi.
Anche HTC ed il sistema operativo Android sono stati citati da Apple sempre per violazione di brevetto. Google, inoltre con questa azione finanziaria vuole probabilmente far ritornare l’ottimismo fra i suoi investitori dal momento che le sue azioni sono scese di 3,09 dollari fino ad un valore di 588,71 dollari sul Nasdaq Stock Market a New York.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta