Sony Ericsson W8 Walkman: prezzo, uscita, scheda tecnica


Sony Ericsson presenta ufficialmente il nuovo modello W8 Walkman, smartphone dedicato alla mobilità e soprattutto alla praticità di utilizzo, il terminale non sarà un fascia top ma un modello per le tasche dei meno abienti, questo si intuisce dalla scheda tecnica contenente componenti non proprio di livello alto.

Andiamo ad analizzare quindi i tratti salienti della scheda tecnica fornita da Sony Ericsson per questo W8 Walkman.

DESIGN E NOVITÀ

Dalla forma innovativa e dai colori sgargianti, questo W8 Walkman risulta uno dei modelli più inusuali nel design del mercato di fascia media, le forme arrotondate alle estremità e la bombatura posteriore ne fanno un modello abbastaza insolito come il resto dei Sony Ericsson usciti in questo 2011, quindi punto a favore per chi vuole spezzare la solita monotonia dei mattoncini.

Questo W8 monta un display da 3 pollici touchscreen capacitivo in risoluzione da 320 x 480 pixel a 16 milioni di colori, dalle prime immagini apparso luminoso, ma per un giudizio più approfondito bisognerà aspettare una prova ufficiale.

Per quanto riguarda gli ingressi ed i tasti fisici presenti ci sono ovviamente il tasto di accensione e spegnimento, il bilancere per il volume, il tasto fotocamera che è incassata nella scocca posteriore per evitare graffi, soluzione questa abbastanza riuscita stilisticamente.

Lato sinistro completamente pulito, mentre sul fronte presenti 3 tasti fisici per le azioni più frequenti.

I colori in cui è stato presentato sono diversi, quello ufficiale è il rosso, poi abbiamo anche il blu, e l’arancione, che spezza la monotonia dei soliti nero e grigio argento.

Le dimensioni sono alquanto ridotte, solo lo spessore è notevolmente esagerato,  per un terminale che non implementa alcun tipo di tastiera qwerty fisica ma raggiunge lo spessore di suddetti terminali.

Le dimensioni ufficiali, come riportato nella scheda tecnica fornita da Sony Ericsson sono:

Altezza 99 mm

Larghezza 54 mm

Spessore 15 mm

COMPARTO HARDWARE E SOFTWARE

Comparto standard quello hardware e software, questo smartphone presenta un pacchetto discreto senza eccellere sia nel sistema operativo che nei componenti hardware.

Discutibile la scelta di implementare una versione di Android arretrata come la 2.1, ma questo rimane in linea con l’idea di presentarlo sul mercato ad un prezzo competitivo e non nella fascia top.

Le caratteristiche hardware e software per questo terminale, come riportato nella scheda tecnica fornita da Sony Ericsson sono:

  • Sistema operativo Android versione 2.1
  • Memoria interna disponibile 128 MB
  • Possibilità di espansione memoria tramite Micro SD
  • Processore Qualcomm MSM7227 da 600 MHz
  • GPU Adreno 200
  • Batteria agli Ioni di Litio da 1200 mAh
  • Autonomia massima in conversazione 5 ore circa
  • Autonomia massima in standby 446 ore
  • Ingresso Micro USB
  • Fotocamera da 3,2 megapixel
  • Fotocamera secondaria frontale non supportata

Punto negativo la batteria che sembra essere poco duratura, ma comunque per un terminale che non è molto adatto alla navigazione internet e ad altri tipi di prestazioni elevate potrebbe bastare per arrivare a fine giornata, ovviamente questo è tutto da provare nel momento della recensione.

Fotocamera da 3,2 megapixel senza pretese, confrontandola ai 12 megapixel dei Nokia non è sicuramente il meglio sul mercato, ma per chi non esige foto in 3D o video in alta definizione questa è la soluzione giusta, se si considera che queste fotocamere erano il top solo 3 anni fa circa.

CONNETTIVITÀ

Altro reparto standard quello delle connessioni, buona la versatilità sulle connessioni internet disponibili, non spicca però in questo reparto rimanendo uno dei tanti sul mercato.

Le connessioni disponibili, come riportato nella scheda tecnica fornita da Sony Ericsson sono:

  • Reti disponibili Umt, Gsm Quadri Band (850/900/1800/1900)
  • GPRS 4+2 slots
  • EDGE
  • UMTS
  • HSDPA
  • HSUPA
  • Bluetooth
  • Wi-Fi (802.11b/g/n)
  • Micro Usb versione 2.0
  • Email
  • Instant messaging
  • SMS & MMS
  • Browser Html, Wap, xHtml
  • A-GPS
  • GPS

COMPARTO MULTIMEDIALE

Comparto multimediale standard per il W8 Walkman, pochi i formati file disponibili per la riproduzione audio e video, fotocamera come già detto non esaltante ma neanche sotto la media della fascia media di mercato.

I file supportati per questo modello, come riportato nella scheda tecnica fornita da Sony Ericsson sono:

  • 3GP, AAC, AAC+, MIDI, MP3, MP4

mancano molti tipi di file video come WAV Xvid e altri che per caratteristiche hardware e scelte della società non sono stati resi compatibili, mancanza questa che potrebbe pesare sul mercato europeo.

La fotocamera da 3,2 megapixel non ha il flash led ma soltanto lo zoom, la risoluzione massima in foto dichiarata è di 2048 x 1536 pixel.

CONFEZIONE

Confezione che non fa sperare nulla di eccezionale, saranno presenti nel box di vendita ufficiale le cuffie stereo MH410 con jack standard da 3,5 mm, oltre al caricabatterie e i manuali, unico nodo da sciogliere è la scheda di memoria che dovrebbe rimanere la solita 2 GB presente in altri modelli della stessa fascia di mercato, per il resto non dovrebbero esserci sorprese o altri accessori che alzerebbero solamente il prezzo per un telefono che prova a smuovere il mercato con prezzo al ribasso.

PREZZO, DATA D’USCITA E CONCLUSIONI

Il prezzo per questo nuovo Sony Ericsson W8 Walkman non è ancora noto, non dovrebbe comunque allontanarsi dai 250 euro per restare in un range di prezzo largo, per quanto riguarda invece la data d’uscita per il momento il terminale è presente solo nel mercato asiatico e verrà distribuito in paesi dall’Indonesia fino alla Cina e Giappone.

Per il mercato europeo difficile avanzare delle ipotesi ma, potrebbe arrivare in estate, quando il mercato dei grandi nomi potrebbe subire un calo nelle uscite, catalizzando l’attenzione su questo terminale.

Il prezzo è il fattore principale per il successo di questo terminale, se dovesse arrivare ad una cifra più vicina ai 200 che ai 300 euro sicuramente attirerà una discreta attenzione, forte del design innovativo e della praticità di utilizzo, smarrita da alcuni terminali che si concentrano nella fascia media di mercato sull’emulazione degli smartphone più blasonati, proponendo a volte soluzioni, importanti nella gestione delle applicazioni, difficili da gestire per un pacchetto hardware non all’altezza, cosa che questo terminale sembra aver scongiurato adottando un pacchetto standard già rodato da altri terminali della stessa casa nelle precedenti uscite.

Mossa quindi questa abbastanza utile e studiata che perde si in novità ma rassicura l’utente sul funzionamento complessivo del sistema operativo e delle applicazioni principali nonchè di utilizzo comune.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta