Sony Ericsson txt: anteprima caratteristiche, review e scheda tecnica


Sony Ericsson mette in pista una nuova linea che si spera possa fare bene nel settore smartphone, si tratta della serie che dovrebbe accogliere i prodotti full qwerty. Sony Ericsson presenta il nuovo txt, smarthpone votato alla componente messaggistica ed alla condivisione di file attraverso social network e programmi di instant messaging. Andremo ad analizzare la scheda tecnica in alcune delle sue sfumature oltre ovviamente ad esprimere un primo sommario giudizio in attesa di una prova reale che possa mettere in luce gli aspetti positivi e negativi del prodotto.

DESIGN E ANNOTAZIONI TECNICHE ESTERIORI

Con la serie Xperia, Sony Ericsson ha dimostrato di poter dire la sua in un settore che spesso scade nella banalità. L’obiettivo del marchio asiatico è di unire funzionalità a freschezza nel design, restando al passo con i tempi e seguendo le indicazioni preziose date dall’utente che sta diventando sempre più esigenze anche in termini di aspetto ed ergonomia.

Questo txt è uno smartphone che non si discosta molto dall’immaginario di prodotto full qwerty, possiamo infatti citare decine di smartphone simili a questo, la novità da parte di Sony Ericsson arriva da una scelta cromatica coraggiosa e ideale per i giovani e le persone creative. Non possiamo certo negare che una cover dai colori pastello possa essere usuale per questa categoria.

Molti infatti hanno scelto un approccio classico in tema di colori, privilegiando il nero e l’argento, con punte di bianco e blu scuro. Lo stile BlackBerry quindi non appartiene a questo txt che, pur avendo la stessa fisionomia, non incarna ne l’aspetto elegante degli smartphone rim, ne lo stesso stile nei colori e nei materiali.

Il rischio è quello di andare troppo verso una direzione alternativa e semplicistica, che potrebbe far storcere il naso a chi invece punta su un prodotto dal design futuristico. Quale delle due correnti seguire è una scelta che spetta solo all’utente, possiamo solo confermare che il prodotto sarà sicuramente valido ma rispetto ad altri terminali perde in fascino.

Variabile fondamentale che fa crescere il tasso di questo smartphone è il peso, sono solo 95 i grammi dichiarati da Sony Ericsson per il txt, il che accresce sensibilmente il livello di ergonomia e la facilità nel trasporto. Le dimensioni ufficiali come riportato nella scheda tecnica resa nota dal produttore sono 106x60x14.5 mm, non male per uno smartphone con full qwerty.

Il display implementato ha una dimensione soddisfacente da 2.6 pollici, sono esclusi touchscreen e visione in hd come prevedibile, la risoluzione comunque resta ottima 320×240 pixels. Settore promosso con qualche riserva per tutti gli aspetti sopra analizzati.

HARDWARE & SOFTWARE

Passiamo ora al settore principale, che si è rivelato essere quello migliore per questo Sony Ericsson txt, siamo in presenza di un pacchetto prestazioni notevole, che ad un prezzo adeguato può sicuramente incidere e lasciare la sua impronta, pur non stravolgendo le gerarchie nei piani alti, visto che il prodotto è destinato alla fascia media sia per le prestazioni che per il prezzo. Scelta voluta questa per puntare ad una fetta più ampia di utenti, che preferisce un rapporto qualità prezzo migliore rispetto ad un prodotto altamente performate ma con un prezzo che non rispecchia in pieno la qualità del prodotto, premendo l’acceleratore sulla fama del costruttore o su particolari tecnici alle volte inutili ma redditizzi in fase di lancio.

Sony Ericsson rispecchia la prima parte di prodotti, abbinando un ottimo livello prestazionale ad una certa facilità d’uso e una destinazione di utilizzo meno spavalda e pretenziosa di altri prodotti della stessa categoria. Il rischio infatti è quello di proporre un prodotto adatto ad un certo utilizzo, che possiamo definire limitato, in una veste che non gli compete, questo porta ad una delusione del cliente durante una prova effettiva dopo una aspettativa parzialmente falsata durante la presentazione e la pubblicizzazione.

I componenti attualmente confermati dalla casa sono la fotocamera da 3.2 megapixel, sicuramente discreta ma non eccezionale. La batteria agli Ioni di Litio da 1000 mAh, che rappresenta la variabile più discussa in giro per il web in materia di durata durante l’utilizzo. Infine una micro SD non confermata ma che dovrebbe essere da 2 GB, sufficiente per questo smartphone devoto alla messaggistica più che alla multimedialità.

Risulta ovvio non aspettarsi molto da un prodotto privo di touchscreen, il settore multimediale sarà quello meno sviluppato, tutto ciò verrà sicuramente bilanciato da un settore business molto curato e una organizzazione dei contenuti superiore alla norma, il che farà svettare questo smartphone tra i migliori di questa categoria nel 3 trimestre.

PREZZO E USCITA

Prezzo di lancio ed uscita in Italia sono un mistero, ovviamente sarà uno dei prodotti del trimestre in corso ma la certezza dell’arrivo in Italia non è ancora arrivata. Il prezzo invece risulta essere una variabile che assume dei range di preferenza, ci sentiamo quindi di azzardare dei limiti di spesa previsti tra i 150 ed i 250 euro, questa sarebbe la collocazione in termini di offerta ottimale. Prezzi superiori anche di poco, oltre questa soglia sarebbero fuori luogo, a meno di particolari caratteristiche che riescano sensibilmente ad alzare il livello complessivo del prodotto, aprendo nuove strade di utilizzo nella vita di tutti giorni.

Difficilmente però avremo sbagliato clamorosamente la previsione, componenti fondamentali come la fotocamera e la batteria non mentono riguardo al prezzo, essi infatti rappresentano 2 delle 5 variabili che determinano il prezzo di uno smartphone, insieme al processore, il sistema operativo e particolari funzioni del display in modalità touch.

Per qualsiasi ulteriore informazione o giudizio definitivo vi rimandiamo alla review del telefono, che potrà essere redatta quando quest’ultimo arriverà sul mercato e verrà analizzato dagli esperti.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta