Sony Ericsson abbandona Symbian per Android


La grande agenzia di statistica e previsioni finanziarie Gartner ha diramato giorni fa il suo verdetto: nel segmento degli smartphone, entro quattro anni Android e Symbian la faranno da padrone, dividendosi il 60% del mercato. Una previsione che rende felici gli amanti del sistema operativo linux based sviluppato da Google il quale, partito da zero, si è costruito giorno dopo giorno una sempre maggiore diffusione sui telefonini di nuova generazione, se si possono chiamare ancora così, mentre attualmente il re incontrastato di questo mercato è il Symbian di Nokia.

Le cose potrebbero però andare diversamente per Android, che fa registrare un nuovo grande successo: dopo l’abbandono di Symbian da parte di Motorola, adesso lo stesso passo viene compiuto anche dalla Sony Ericsson, un altro player importantissimo di questo mercato e che potrebbe far guadagnare molti punti percentuali ad Android se si realizzassero tutte le voci che vedono l’azienda nippo-svedese in procinto di lanciare una sorta di “PlayStation Phone” basato sulla versione 3.0 del sistema operativo di Google. Per la Nokia si tratta quindi di un duro colpo; a nulla sono evidentemente serviti i suoi tentativi di rendere più aperto il sistema Symbian con la creazione di una apposita Fondazione, della quale tra l’altro Sony Ericsson è uno dei membri.

Agli sviluppatori sembra piacere di più il “modello Apple”, quello delle “App”, con Android che non manca di disporre di un nutrito “Store”, grazie anche alla massiccia presenza a livello planetario di programmatori collegati ai diversi prodotti della “Grande G”, che nel sistema operativo di Mountain View hanno trovato modo di sfogare la loro creatività e anche l’occasione per un nuovo business.

Al momento, quindi, Android continua a mietere successi e quest’ultima mossa non può che far segnare un altro punto a suo favore; anche se non si tratta di un addio dichiarato a Symbian, al momento Sony Ericsson non ha in produzione altri dispositivi basati su Symbian.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta