Samsung Galaxy Xcover: lo smartphone waterproof


nuovo modello di casa SamsungLa foto che vedete a lato non raffigura uno smartphone caduto rovinosamente nel fango, ma il nuovo Samsung Galaxy Xcover che è uno dei pochi, se non il primo vero, smartphone waterproof, ossia terminale resistente all’acqua ed a tutti gli agenti naturali che possono minacciare l’integrità ed il funzionamento dello smartphone. Una novità sicuramente bizzarra ma allo stesso tempo utile poichè sono diversi gli incidenti che, soprattutto nel periodo estivo, coinvolgono il binomio acqua-smartphone, con risultati quasi sempre disastrosi.

Da oggi in poi chi è sempre in situazioni estreme non docrà preoccuparsi nel vedere cadere il proprio smartphone in acqua, poichè il Samsung Galaxy Xcover resiste all’acqua ed al fango fino a 1,5 metri di profondità, margine di sicurezza abbastanza grande a meno che non pensiate di fare traversate in mare aperto con smartphone alla mano.

Il lato sicurezza e protezione è l’assoluta novità per questo smartphone, infatti non ci sono particolari dettagli da segnalare sia nel design che nel comparto tecnico, questo evidenzia una strategia di vendita incentrata su un settore ben definito di utenti ed una immagine indistruttibile, almeno in teoria. Il risultato di questo primo sguardo sul nuovo Samsung Galaxy Xcover lo andremo a dare di seguito con una anteprima presa a collage tra i vari siti che mostrano le caratteristiche e la scheda tecnica del prodotto, presto disponibile anche in Italia.

DESIGN & ANNOTAZIONI TECNICHE

Solitamente è il design, la parte più analizzata di questa categoria, invece per questo Samsung Galaxy Xcover è impossibile non incentrare la discussione sulla qualità fondamentale, ossia la resistenza all’acqua. Questo smartphone è certificato all’IP67, attestato conferito ai prodotti in base alla loro impermeabilità, valutandone la funzionalità quando sottoposti a stress in determinate condizioni, le quali coinvolgono ovviamente l’acqua. Attestato questo non conferito a cuor leggero dall’ente sicurezza dei prodotti, per cui non mettiamo assolutamente in dubbio questo dato, ovviamente non andremo mai a rischiare di usare lo smartphone in acqua. soprattutto se il prezzo non dovesse essere dei più economici, la tentazione però è forte quindi andremo a testare certamente le sue qualità in questo campo. L’autonomia in “vasca” del Samsung Galaxy Xcover è di 30 minuti, tempo ragionevole per sfruttare le sue qualità anche sott’acqua, come scattare foto e girare video, in una qualità da valutare ed analizzare nel dettaglio all’uscita del prodotto sul mercato italiano.

Diamo ancora qualche indicazione sul design, che rispecchia in parte quello di altri prodotti della serie Galaxy, unendo uno stile lungiforme e nello stesso tempo compatto. Le linee creano il classico effetto mattoncino ma virano verso una concezione più morbida dell’immagine, consentendo molto probabilmente una ergonomia favorevole in tutte le modalità di impugnatura. Dato questo importante per garantire una qualità di fondo che spesso viene trascurata a favore di altri dettagli spesso inutili ma più accattivanti agli occhi del pubblico, che nel momento dell’acquisto non valutano a modo l’effettiva qualità del prodotto nell’utilizzo concreto.

HARDWARE & SOFTWARE

In questo settore c’è poco da dire, sia per il mancato supporto di una scheda tecnica completa da parte di Samsung, sia per le poche novità in termini di configurazione. Il nuovo Samsung Galaxy Xcover è infatti un modello dal paccetto standard, ossia avente componenti fisici e software integrati, già visti su altri terminali della stessa serie o comunque della stessa casa produttrice, il che si tramuta in un vantaggio dal punto di vista dell’affidabilità, essendo stati risolti probabilmente alcuni bug trovati nelle versioni precedenti, ma risulta anche uno svantaggio per la mancata occasione di portare qualcosa di totalmente inedito che possa dare una giustificazione valida ai fini dell’acquisto.

In questo caso il secondo aspetto è mascherato dalla presenza del waterproof, ma come abbiamo già evidenziato nella sezione precedente, molti produttori tendono a mascherare il mancato rinnovamento o la scarsa capacità di risoluzione dei bug incontrati negli altri modelli, inserendo funzioni quasi del tutto inutili nell’economia di un utilizzo regolare dello smartphone.

Elenchiamo alcune delle caratteristiche che potremo trovare sul Samsung Galaxy Xcover, partiamo dal sistema operativo rigorosamente Android 2.3 Gingerbread, già trito e ritrito, con la speranza di una nuova versione in tempi brevi. Secondo elemento è la fotocamera da 3.2 megapixel, in grado di scattare foto con Flash LED, ed infine lo schermo da 3.6 pollici con vetro antigraffio, ossia lo stesso visto sugli altri smartphone di fascia top, nella maggior parte dei casi.

Per quanto riguarda il resto delle caratteristiche dovremo aspettare qualche altra settimana prima di avere un quadro definitivo, per il momento all’annuncio da parte di Samsung, questo Galaxy Xcover ha destato più curiosità per la sua impermeabilità che per la sua dotazione tecnica, quindi questo settore rimane una incognita fino alla controprova in fase di test.

PREZZO & USCITA

Samsung Galaxy Xcover è stato annunciato con 2 mesi d’anticipo rispetto al lancio europeo, sarà infatti disponibile sui nostri scaffali a partire da Ottobre, periodo ancora lontano ma ricco di insidie per Samsung, che se la dovrà vedere con Apple pronto a mettere in vendita iPhone 5, diretto rivale della serie Galaxy, che dovrà fare affidamento su più modelli per contrastare la mole di vendite del solo modello schierato dalla casa di Cupertino.

Il prezzo non è ancora noto, orientativamente dovremmo essere sui 450 euro, poi tutto dipenderà dalle caratteristiche della parte mancante della scheda tecnica, se risulteranno all’altezza potrebbe addirittura salire di quasi 100 euro, prospettiva non troppo allettante vista la concorrenza che verrà fuori in quel periodo, da sempre molto caldo per numero di modelli immessi sul mercato da parte dei produttori top.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta