RIM: BlackBerry Torch 9860, recensione e scheda tecnica


Come nel caso di BlackBerry Bold 9930, anche il nuovo BlackBerry Torch 9860 è il fratello gemello europeo del modello 9850, i due smartphone sono totalmente uguali nell’aspetto esteriore salvo poi adottare una scheda tecnica diversa in termini di condizioni di rete ed impostazioni relative alla connessione web su rete europea. In sostanza analizzeremo la scheda tecnica di entrambi ma ci riserviamo di esprimere un giudizio completo prima di aver effettuato un test del prodotto.

In questo articolo affronteremo una review tecnica, ossia l’analisi delle scelte tecniche che il produttore, in questo caso RIM, ha voluto adottare per rendere il proprio modello competitivo e completo rispetto ad altri modelli della stessa fascia in termini di qualità e prezzo. Non esitiamo oltre e cominciamo l’analisi.

DESIGN & ANNOTAZIONI TECNICHE

Settore inedito questo per RIM BlackBerry Torch 9860, il produttore canadese non si era mai tuffato nella vasca degli squali rappresentata dagli smartphone All-touch, quindi sarà interessante notare le varie scelte effettuate in termini di design e funzionalità. Prima cosa da segnalare ovviamente le dimensioni, per questo Torch 9860 parliamo di 120 x 62 x 12 mm, non male per una prima edizione anche se ci saremmo aspettati da RIM un qualcosa in più su questo fattore. Questa mancata vicinanza a rivali forti come Apple e Samsung cataloga il RIM BlackBerry Torch 9860 nella fascia medio-alta per le dimensioni poichè la differenza con i prodotti dei competitor sopra citati è davvero notevole, parliamo quasi di spessore raddoppiato, il che non è poco.

Probabilmente questa difficoltà nel rendere lo smartphone più sottile arriva dall’utilizzo di componenti che non consentono di rendere lo spessore minimo, le dimensioni comunque non sono assolutamente negative, ci sono altri terminali che adottano la stessa mole e quindi non dobbiamo creare una aspettativa negativa nei confronti del prodotto quando non c’è ne la necessità.

Altro dettaglio da segnalare è il display touchscreen da 3,7 pollici, apparso dalle prime foto molto luminoso e dotato di una risoluzione discreta, capace di riprodurre in modo ottimale contenuti in alta qualità sia per le foto che nei video. Nell’insieme sembra che lo smartphone sia stato progettato su un modello standard di all-touch, il classico mattoncino sottile che viene impegnato nella parte frontale dal display e sul retro dalla fotocamera, nulla di più e nulla di meno, per i prossimi modelli di questa serie speriamo di trovare qualche piccola chicca da parte del produttore canadese che in questo settore è uno dei leader incontrastati avendo fatto storia con la serie Bold, divenuta ormai modello da imitare per tutti i business phone con tastiera qwerty fisica.

Voto per il settore non troppo alto ma comunque più che discreto, durante il test del prodotto potremo valutarne fattori importanti come l’ergonomia e la qualità dei materiali dal punto di vista della funzionalità, per il momento il voto di settore è un 8, con ampi margini di crescita e calo, a seconda dei risultati ottenuti nei test.

HARDWARE & SOFTWARE

Concluse le novità riguardanti l’aspetto esteriore passiamo ora al settore delle prestazioni e dei software integrati, cominciamo con il sistema operativo che subisce un aggiornamento è diventa BlackBerry OS 7, già annunciato da tempo e implementato in tutti i modelli sia della serie Torch che della serie Bold. Secondo dato da registrare è il processore da 1.2 GHz che si sposa perfettamente con la filosofia touchscreen che richiede un lavoro maggiore da parte della CPU e di conseguenza un aggiornamento è stato del tutto naturale.

All’interno del settore software doveroso segnalare il ritorno di BlackBerry Messenger 6, nota piattaforma usata per scambiare messaggi, e l’arrivo della nuova interfaccia Liquid Graphics, che permetterà al browser una velocità superiore a quella precedente del 40% stando alle informazioni rivelate in fase di presentazione.

Premesse niente male che potrebbero portare questo smartphone alla conferma nel settore dei top business phone, dopo il successo del primo anche il Torch 9860 cercherà di non perdere il volume di fan che lo seguono pur avendo adottato una nuova configurazione All-touch. Per i nostalgici della tastiera qwerty ci sarà comunque un nuovo Torch 9810, che ricalca l’aspetto del vecchio con un ampio display touchscreen e la tastiera qwerty a scorrimento verticale.

Risulta troppo presto, come nel caso di Bold 9930, dare un guidizio su questo settore, i fattori da valutare sono tanti, primo su tutti il nuovo sistema operativo che dovrà fare le veci del vecchio e dove possibile migliorare le sue prestazioni aggiungendo una componente multimediale concreta al settore business sempre più completo e predominante col passare delle versioni.

PREZZO & USCITA

L’uscita di tutti i 5 modelli della nuova serie non è ancora stata annunciata, molti pensano che sarà fine Agosto il periodo nel quale saranno resi disponibili sul mercato, i pessimisti invece pensano alla metà di Settembre. Anche per il prezzo non ci sono dati certi, essendo però questo un modello di punta sarà quasi impossibile scendere sotto i 450 euro, più probabile una soglia di prezzo vicina ai 525, ma speriamo ovviamente di essere piacevolmente sorpresi e di constatare una strategia volta al ribasso dei prezzi da parte di RIM, che preannuncia per questo BlackBerry Torch 9860 un primo modello All-Touch dalle grandi potenzialità che dovranno necessariamente essere sviluppate nel tempo per raggiungere il prima possibile il binomio Apple Samsung, che ormai forma coppia fissa in cima alle classifiche di vendite. Questo potrebbe servire a mettere pressione agli altri due produttori che dovranno cambiare marcia con l’arrivo del terzo incomodo proponendo all’utente prodotti sempre all’avanguardia.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta