Motorola FIRE: business phone ad un prezzo modesto


Motorola FIRE è uno dei modelli più attesi dai fan della casa americana, un business phone con funzioni interessanti ed un design niente male, pur non avendo eccellenti qualità in questo settore rispetto ad altri produttori che ormai comandano il mercato indisturbati. In questo articolo scopriremo alcune novità sul modello ed analizzeremo la scheda tecnica mettendo in risalto pro e contro, cercando di mettere in piedi un quadro generale che possa essere utile in fase di acquisto o di prova, giudicando al meglio il potenziale di questo Motorola FIRE.

DESIGN & ANNOTAZIONI TECNICHE

Un business phone classico quello sfornato da Motorola in questo caso, linee molto vicine ad altri prodotti della stessa categoria e dello stesso produttore, che ci ha già presentato nei mesi scorsi modelli simili con caratteristiche certamente migliori, anche in questo settore. Comunque sia a fare da padrone in questo caso sono la tastiera qwerty fisica posta sotto il display da 2.8 pollici, abbastanza compatta in lunghezza, questo forse penalizza la digitazione dei tasti, i tecnici Motorola hanno però implementato una bombatura su ogni tasto per consentire un centramento rapido ed intuitivo del pulsante per non cadere nel fatidico errore della doppia digitazione. Questo fattore dovrà comunque essere valutato attentamente in fase di test poichè nel settore business è fondamentale avere una tastiera dalla qualità superiore al resto dei componenti poichè un flop in questo senso compromette la validità di tutto il telefono.

Come già detto un display da 2.8 pollici in risoluzione da 240 x 320 pixel con 260 mila colori, le caratteristiche in questo caso parlano da sole, siamo in presenza di un display mediocre che ci restituisce una risoluzione accettabile e dei colori nettamente inferiori alla media.

Le dimensioni sono uno dei punti forti di questo Motorola FIRE, in questo caso abbiamo 116.5 x 58 x 13.5 mm il tutto racchiuso in un peso di 110 grammi, ovviamente dei valori superiori alla media di settore sono indotti in parte dalla scarsa dotazione del telefono in alcuni settori, parlando di hardware. Comunque sia questo è uno smartphone adatto a chi vuole un prodotto facile da portare con se, dotato di una ergonomia ed una funzionalità quanto meno discreta, ovviamente come per altri fattori dovremo effettuare un test reale del prodotto per verificare a quale livello di prestazioni può arrivare, nell’attesa possiamo definirlo uno smartphone di fascia media senza ombra di dubbio, le sue qualità non possono coprire in tutto e per tutto i piccoli difetti o le mancanze riscontrate ad una prima occhiata. Ci riserviamo un giudizio definitivo dopo la fase di test ma per il momento siamo fermi al 7 in pagella di stima.

HARDWARE & SOFTWARE

Cambiano i fattori da valutare ma la musica è sempre la stessa, Motorola FIRE non brilla nel design e non riesce a risplendere neanche per quanto riguarda le prestazioni. Il rischio è di acquistare un prodotto che entro 18 mesi potrebbe non essere in grado di stare al passo con i tempi, rendendo impossibile aggiornamenti e  quant’altro, risulta ovvio che queste sono supposizioni fatte in base ad altre esperienze che potrebbero avvicinarsi a questo caso, però solo il tempo ci dirà se Motorola FIRE è un prodotto con un livello di aggiornamento e di longevità accettabile.

Passando all’analisi dei componenti fondamentali partiamo come sempre con la CPU, che in questo caso è una 600 MHz, assai modesta rispetto allo standard attuale di fascia media che si avvicina a 1.2 GHz, comunque guardando il prezzo possiamo accontentarci di quanto offerto in materia di rapporto qualità-prezzo. Ovviamente il sistema operativo implementato è Android 2.3 Gingerbread, già utilizzato da tutta la fascia media o quasi oltre ai modelli di fascia top.

Altro fattore da analizzare è la fotocamera da 3 megapixel, che ha una risoluzione foto da 2048 x 1536 pixel, decisamente modesta ma non per questo da buttare via, per molti utenti business la fotocamera è un fattore assai secondario quindi la scelta di Motorola in questo caso va a vantaggio del prezzo finale che si vede ulteriormente ridotto rispetto alla concorrenza che utilizza una 5 megapixel leggermente migliore di quella in dotazione su questo smartphone.

Ultima variabile da menzionare è la compatibilità con le tante applicazioni business ed i vari programmi che possono essere installati e sincronizzati con il pc, questo è una qualità fondamentale per un prodotto business poichè avere una versatilità elevata è direttamente proporzionale ad un uso corretto e completo in tutte le varie situazioni e per tutte le necessità.

PREZZO & USCITA

L’arrivo in Italia è fissato per questo mese, sarà disponibile molto probabilmente in abbonamento e per la vendita diretta al prezzo di 179 euro, offerta molto vantaggiosa per gli utenti che non hanno bisogno di prestazioni spaziali ma vogliono comunque un prodotto valido che possa garantire affidabilità in tutte le esigenze.

In conclusione se avete bisogno di un prodotto dedicato al lavoro che non ha grosse pretese in termini di prestazioni pur riuscendo a fare tutto quello di cui abbiamo bisogno, sempre nell’ambito lavorativo, allora Motorola FIRE è lo smartphone giusto. I fanatici della multimedialità invece hanno capito che non c’è pane per il loro denti con questo prodotto, meglio optare per modelli più performanti disponibili presso lo stesso produttore o a mali estremi su prodotti messi in vendita dai competitor.


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta