Apple Store: contro la pirateria il “Try before you buy”


La pirateria online è da anni il cruccio di tutti coloro che mettono in commercio material coperto da diritto di autore: film, canzone, libri. Figuriamoci se si parla di programmi: a risentirne in particolare non solo gli sviluppatori di programmi per i terminali tradizionali ma anche i rivenditori di applicazioni per smartphone come la Apple.

Per ovviare al problema, la casa produttrice di Cupertino ha deciso di lanciare l’iniziativa “Try before you buy”, ovvero, tradotta letteralmente, “prova prima di comprare”.  In una sezione apposita sono stati raggruppate tutte le applicazioni aventi una versione lite, usufruibile in prova. Al momento si tratta di semplici collegamenti a versioni già esistenti ma, a quanto pare, lo scopo finale dell’iniziativa è quello di far provare all’utente in via gratuita i software più interessanti e poi spingerlo all’acquisto.

Cio che ancora non appare chiaro, dell’iniziativa messa in atto dall’azienda di Steve Jobs, è quale sia alla fine il punto da raggiungere: maggiori acquisti da parte degli utenti? Maggiore consapevolezza degli sviluppatori chiamati a creare delle applicazioni shareware? Voi che ne pensate?

[VIA]


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta